viale Trieste, 19 33170 PORDENONE (I) tel. e fax ++39 0434 552174 c. 3388894652 laroggia@tin.it

 

HOME

ANNALE

ARTISTI

CALENDARIO

SEDE

STORIA

VETRINA

COLLETTIVO LINEACONTINUA

PASSEGGIATE ITALIANE

PASSEGGIATE EUROPEE

MESSA A FUOCO

rassegne di fotografia

 

Remo Corteggiani

 

Aprile 1986

 

II limite oggettivo della produzione iconica costituisce una necessità quasi connaturata al mezzo, per gli operatori che si servono degli strumenti di fotografia o di fotocopia, nella loro attività creativa: qualunque trasgressione, ogni tipo di "sfondamento" aniconico, qualsiasi elaborazione o interpretazione non può prescindere dal rapporto col reale.

L'operazione dell'artista, quindi, si muove all'interno delle cose, interpretandole, isolandole, privilegiandole, selezionandole, inquadrandole e manipolandole alla ricerca di quegli effetti - di comunicazione o di semplice emozione visiva - che sono più coerenti con la sua sensibilità.

Nel caso di Remo Corteggiani, l'estro creativo può essere eccitato in ogni momento, da qualsiasi oggetto, in tutte le situazioni: il suo campo di interesse, infatti, è la realtà delle piccole cose quotidiane che raccontano storie antiche e nuove, rimandano ad eventi e persone dell'individuale realtà, si possono comporre e scomporre in felici soluzioni formali: vissute, rivissute, trasferite in immagini, che a loro volta vengono rivisitate, trasformate e dislocate in un'atmosfera rarefatta e surreale, le cose suscitano emozioni - cromatiche e compositive, suggestive e provocatorie - che riecheggiano nella memoria (individuale e collettiva) come frammenti di un vissuto che comunque ci appartiene.

La poesia che esce (quasi come un fatto ancora mitico) dalle "scatole magiche" degli strumenti che manipola e degli strumenti che utilizza nel suo lavoro (la macchina fotografica e la fotocopiatrice, accanto ai pennelli e ai colori) è la stessa che nasce dalle cose (anche le più banali) che ci cadono sotto gli occhi e che, in un modo o nell'altro, vanno a scuotere uno spazio dei precordi rievocando suggestioni: la particolare angolazione visiva, l'emozionale disposizione non fanno che aggiungere fascino al ricordo.

Di qui, la scelta delle situazioni e degli oggetti più disparati la loro frantumazione in immagini e microimmagini, la loro riduzione a semplici elementi compositivi, per arrivare poi, con paziente e sensibile procedimento di ri/costruzione, ad opere unitarie, talora ammiccanti tal altra provocatorie.

Ne deriva una "letteratura per immagini" che e sempre stata l'asse portante della migliore fotografia: continuamente in bilico tra la narrazione dei fatti e ta semplice emozione espressiva, si afferma oggi, sempre più nettamente come "scrittura con la luce" di poemi visivi in cui l'equilibrio tra la personale liricità e la comunicazione sociale è attento e felice.