viale Trieste, 19 33170 PORDENONE (I) tel. e fax ++39 0434 552174 c. 3388894652 laroggia@tin.it

 

HOME

ANNALE

ARTISTI

CALENDARIO

SEDE

STORIA

VETRINA

COLLETTIVO LINEACONTINUA

PASSEGGIATE ITALIANE

PASSEGGIATE EUROPEE

MESSA A FUOCO

rassegne di fotografia

 

Mario MORETTI

 

17 febbraio - 9 marzo 1979 Pordenone Personale

 

A Mario Moretti

Mi sforzo di comunicare, non solo agli "addetti ai lavori"; ma più ampiamente alla massa, con i suoi segni, col suo linguaggio, con il suo istinto, con la sua forza.
Per questo, non posso accettare il bluff intellettuale di "essere col popolo" oppure"per il popolo".

E cerco dentro di me la più profonda radice di tutta l'umanità; la riconosco negli altri, eterna ed universale; e tento di esprimerla in arte, nella maniera più viva.

Ma sono un "intellettuale" (è questa, la mia dannazione) e cerco, da intellettuale, un'arte che sia popolare. Inseguo la comunicazione per renderla dialogo, continua relazione tra me e tutti gli altri. Non "gli altri" limitati, connotati, distinti in entità geografiche, politiche e sociali; ma gli altri-umanità che ama, lotta e soffre per gli stessi bisogni per le stesse esigenze per le stesse ansie di vita.

E allora, da intellettuale che avverte l'esigenza di un'arte popolare, mi rivolgo alla storia - di arte, di cultura, di riti e civiltà - d'ogni popolazione e guardo alla sua vita oggi, nello specifico, ad ogni latitudine.

Ritrovo nel passato l'umanità di ieri; rileggo per il mondo la stessa realtà; e, se mi guardo in giro ad osservare gli altri, in questo microcosmo della quotidianità, ritrovo sempre intatta, dovunque e in ogni forma, l'ansia dell'ineffabile, il gusto del mistero, il senso della lotta per valicare i limiti tra sé e la natura (non conta se venerata nella sua deificazione oppure se vissuta nella sua immanenza).

La miseria è dovunque, uguale dappertutto; anche la gioia di vivere, per strana compresenza.

lo ne son partecipe, e voglio dialogare, sentirmi in mezzo agli altri, con tutti i miei caratteri, ma con quella matrice che agli altri mi accomuna.

E questo vuole essere far arte popolare: indago nel passato, analizzo il presente, ipotizzo il futuro; ed apro un dialogo.

Altri risponderanno, quelli che riconoscono nei mio il loro discorso, che vivono la mia opera come se fosse propria, e dicono e domandano perché vi sono immersi.

Ha un suo peso, la tecnica; e non è irrilevante: non si parla alla massa con i concetti astratti; la massa sa vedere, al lume dell'istinto, quel che può interessarla, quello che sente suo, quel ch'è vicino a sé; e lo distingue bene da quello ch'è lontano o forse, peggio ancora, la tratta come oggetto.

Ed io non voglio essere il santone che lancia dalla torre d'avorio un messaggio alle masse; quello che io ricerco, è un dialogo a due voci, con linguaggio comune, con segni comprensibili.

Per farlo, qualche volta, devo tornare indietro, recuperare in me la prima umanità, la mia semplicità o forse la miseria; ma, prima e soprattutto, l'umiltà dignitosa di lasciarsi capire senza suggestionare con facile novismo.

Talvolta ci riesco, anche se per qualcuno sono vecchio e banale.

Ma, quello che m'importa, è rimanere uomo, ritrovarmi nella massa; ed avere parlato per dire quel che sento, all'uomo, come uomo; e vedere che, in fondo, non ho parlato invano, e non solo a me stesso. 

 


 

Giovedì 8 gennaio 2009 alle 18,30

ARTI VISIVE - I PROTAGONISTI DELLA PITTURA

MARIO MORETTI - Presentato da Enzo di Grazia